Portofino: panorama

 

immagini immagini

Camogli: Lungo mare

 

immagini immagini

San Fruttuoso: insenatura

 

immagini immagini

Paraggi: spiaggia

 

immagini immagini

S. Margherita Ligure: porto

 

immagini immagini

Portofino: case sul mare

 

immagini immagini
Home Marchio Qualità Protetta
Marchio Qualità Protetta Stampa

Progetto di valorizzazione delle risorse turistiche della Provincia di Genova attraverso la creazione di un “Marchio di qualità” che privilegi le iniziative di sostenibilità ambientale.

La Provincia di Genova dispone di un potenziale turistico straordinario con notevoli opportunità di crescita e di sviluppo. La presenza di poli di eccellenza è oramai consolidata nei percorsi turistici internazionali grazie alla peculiarità delle risorse naturali del territorio ligure.
Tale conformazione dell’ambito provinciale comporta una presenza turistica con caratteristiche di spiccata disomogeneità sia territoriale (pressione sulla fascia costiera con conseguenti criticità ambientali) che temporale. Proprio la sostenibilità ambientale può rappresentare una leva straordinaria per riequilibrare i flussi turistici creando collegamenti ed integrazioni con l’entroterra e le zone meno note. Sarà possibile inoltre avviare un processo di riqualificazione del territorio, delle strutture turistico ricettive e dei servizi ampliando il bacino di utenza con un turismo internazionale di qualità, sensibile alle problematiche naturalistico ambientali.

Il progetto “Marchio” si integra con le iniziative ed i programmi esistenti creando un sistema sinergico virtuoso per valorizzare al meglio le potenzialità del territorio.

Questo “luogo” multimediale del Marchio delle Aree Protette di Portofino che vedrà la sua estensione su entrambe le aree protette, quella marina e il Parco di Portofino, diventerà un punto di riferimento per informare i cittadini ed i turisti, per promuovere le iniziative in atto, attivando i necessari collegamenti a livello nazionale ed internazionale, per diffondere efficaci azioni di che permettano di diffondere sempre più pratiche sostenibili di sviluppo turistico;  in sintesi… la casa del “Marchio”.

Il Progetto

Partendo dalle finalità ed obiettivi che abbiamo sintetizzato nella breve premessa, il progetto, sostenuto dalla Fondazione CARIGE, attraverso la Provincia di Genova (Assessorato al Patrimonio Naturalistico), consiste, di fatto, nella creazione e nella promozione di un marchio territoriale a valenza ambientale, che coniughi le due realtà naturali di Portofino, per favorire l’instaurarsi e/o il consolidarsi di attività economiche locali caratterizzate da valori di alta qualità e sostenibilità.
Tale classificazione, volontaria, fa parte di un sistema ambientale di più ampio respiro che funge da catalizzatore sul territorio provinciale e da richiamo dall’esterno.
L’Area Marina Protetta, nell’ambito delle proprie finalità istituzionali, in particolare, ha deciso di avviare e promuovere azioni finalizzate alla valorizzazione turistica sostenibile delle risorse naturalistiche attraverso strumenti che tengano conto delle esigenze di soggetti attivi sul territorio come gli operatori economici. Due entità, l’area marina e il tessuto economico, che devono integrare le proprie azioni di sviluppo e creare un “sistema sostenibile” che sia fonte di crescita e di rilancio. Analogo è il ragionamento e l’azione del Parco di Portofino. I due Enti, in forma sinergica, possono “condizionare” l’azione degli operatori turistici verso forme di sostenibilità ambientale che contribuiranno sicuramente ad un ulteriore e positivo sviluppo dell’economia turistica del nostro territorio.

L’applicazione del marchio sarà il più possibile obiettiva, trasparente e credibile e sarà quindi collegata con i più diffusi sistemi standardizzati di valutazione e regolamentata da disciplinari, che ne determinano univocamente le regole di accesso e di utilizzo.
Data la vastità delle possibilità di applicazione, sono state previste due differenti tipologie di ampio spettro dello stesso marchio dedicate rispettivamente a:
o Prodotti;
o Attività turistico – ricettive.

Per ogni categoria è stata redatta una normativa tecnica (sotto forma di schede) a cui attenersi. Le misure prese in considerazione esaminano tutti gli ambiti di competenza più rilevanti dal punto di vista dell’impatto ambientale e territoriale.

Il Marchio “della qualità protetta” sarà anche lo strumento ideale per segnalare ai potenziali fruitori i soggetti, i prodotti e i servizi (visite guidate, esercizi ricettivi e di ristorazione, offerta di sport all'aria aperta, produttori tipici) che concorrono a definire la qualità del territorio "area protetta". Chi ottiene il marchio deve ottemperare a particolari standard di eccellenza ed è membro di un sistema multimediale che è in grado di attrarre con informazioni e indicazioni i visitatori.
In questo modo, oltre ad impegnarsi per il miglioramento della qualità complessiva del sistema, si contribuisce a mobilitare i soggetti locali attorno ad un obiettivo comune: la valorizzazione delle risorse locali. Il marchio, pertanto, ha una duplice funzione: da un lato la garanzia della qualità per il fruitore dell'area protetta (chi viene segnalato contribuisce alla qualità dell’ambiente), dall'altro la promozione commerciale degli operatori sul territorio (chi viene segnalato acquista visibilità).
Un ruolo centrale nella selezione dei soggetti da segnalare e nella promozione del marchio spetta ai due Enti: Area Marina Protetta e Parco di Portofino, soggetti deputati a fungere da garante della qualità dell'intero sistema. Il compito dell'ente, in conclusione, non deve essere quello del dispensatore di un marchio di qualità in concorrenza con i tanti disponibili sul mercato, ma deve essere un compito superiore di garanzia della qualità e promozione dello sviluppo sostenibile del proprio ambiente.

In sintesi:
Promuovere lo sviluppo sostenibile
Aumentare la conoscenza del territorio e delle sue potenzialità
Promuovere il territorio sul mercato locale e nazionale
Consolidare attività che rendono competitivo il territorio
Sostenere l'innovazione e l'occupazione
Valorizzare l’offerta “tradizionale” con un sistema di miglioramento continuo che la mantenga al passo della concorrenza
Creare un network locale