Portofino: panorama

 

immagini immagini

Camogli: Lungo mare

 

immagini immagini

San Fruttuoso: insenatura

 

immagini immagini

Paraggi: spiaggia

 

immagini immagini

S. Margherita Ligure: porto

 

immagini immagini

Portofino: case sul mare

 

immagini immagini
Home Portofino
Portofino Stampa

Una perla custodita nella sua conchiglia, così si presenta Portofino al visitatore che viene dal mare.
E' una baia ben riparata sia per la conformazione, sia per il monte di Portofino che si affaccia sul mare formando una scogliera lunga un paio di chilometri che ha nella Punta del Faro l'estremità orientale. La posizione favorevole, infatti, attirò l'insediamento umano fin da tempi remoti. Plinio il Vecchio cita la località come "Portus Delphini", ed era già noto in epoca romana. Determinante per Portofino l'insediamento dei monaci a San Fruttuoso: da loro partì una intensa opera di cura per il territorio e per tutte le attività, economiche e spirituali, con influenze che andavano ben oltre i limiti geografici del Monte.

Dopo essere stato per circa duecento anni sotto l'abbazia di San Fruttuoso, dal XII secolo il borgo passò alla Repubblica di Genova, che nel XVII secolo fece costruire una fortezza nota ora come Castello Brown, derivante dal nome del Console Inglese a Genova, Sir Montagne Yeats Brown. proprietario del maniero dal 1867 al 1949. E' una struttura con fondamenta romane, nel corso dei secoli il Castello ha visto, tra gli altri, il dominio della Repubblica di Genova, delle forze Inglesi ed austriache, delle Armate Napoleoniche ed infine del regno di Sardegna. Nel 1961 è stato acquistato dal comune di Portofino.

Per comprendere la bellezza e l'eccezionalità di Portofino bisogna guardarla dal piazzale della chiesa di San Giorgio che sorge a picco sul promontorio dominando il borgo. Da qui con un colpo d'occhio si dominano il porto e la fila di case colorate con le caratteristiche decorazioni. La chiesa di San Martino, del XII secolo, sorge nel nucleo più antico del paese, conserva marmi barocchi, sculture e dipinti notevoli, come il trittico dei Santi Rocco, Sebastiano e Fabiano con in alto l'"Ecce Homo" affiancato dall'Arcangelo Gabriele e dall'Annunziata. Altre tele degne di nota, di scuola genovese del XVI secolo: l'Annunciazione e San Martino in mezzo ai poveri.
Alle spalle del borgo salendo per le stradine ed i sentieri del Monte di Portofino anche là dove la mano dell'uomo non è intervenuta, la disposizione delle piante, della macchia mediterranea, l'andamento mosso del terreno, offrono uno spettacolo di grazia spontanea.Le escursioni sul monte di Portofino sono un'esperienza altrettanto intensa di quella che si può godere a contatto col sole e col mare. Ombre riposanti, improvviso irrompere di luce piena, mediterranea, scorci di cielo azzurro, squarci improvvisi dove, al di là del verde, si stende il blu cobalto del mare, aromi intensi, dolcissimi.Un giardino profumato che la natura ha voluto elargire.
Notte e giorno uno spettacolo. Forse è per questo che, dagli anni cinquanta e sessanta, Portofino è diventato uno dei simboli della dolce vita; il posto dove capita di incontrare, sulla banchina del porticciolo, nei caratteristici vicoli, i grandi protagonisti dei sogni di tutti: divi di Hollywood, grandi nomi dell'arte, della politica e dell'industria.
Dal 1995 Portofino fa parte del Club "Gioielli del Turismo d'Europa" che raggruppa centri turistici europei di elevata qualità e di indiscusso interesse ambientale e culturale. Il Club si pone come obiettivo la cooperazione e lo scambio di informazioni fra i membri. E' prevista l'eleborazione di politiche comuni per lo sviluppo del turismo europeo volte a formulare proposte nelle sedi istituzionali dell'Unione Europea. Fanno parte di questo club esclusivo: Biarritz, Brighton, Cascais, Nauplion, Portofino, San Sebastian, Sitges Thèoule Sur Mer.

Il passato porta per mano nel futuro le suggestioni di una festa religiosa , i segreti di riti che vengono tramandati. Ecco la tradizionale sfilata dei Cristi, la celebrazione della funzione religiosa con l'esposizione delle reliquie di S. Giorgio Martire, conservate gelosamente dai portofinesi nella Chiesa a Lui dedicata, la cascata dei fuochi artificiali e il falò che viene acceso sulla piazzetta, illuminano e colorano una notte di primavera nel piccolo borgo, il tutto per ricordare il Martire.
Il primo degli appuntamenti mondani si svolge nello specchio antistante Portofino: il tradizionale "Trofeo velico Ermenegildo Zegna". Tre giornate di spettacolo con barche mozzafiato, ognuna delle quali è stata progettata e costruita per un solo scopo: vincere.